RME BabyFace Pro FS & ADI-2 DAC FS

glenn-clancy.jpg

RME Babyface Pro e ADI-2 DAC con la tecnologia SteadyClock FS

BabyFace Pro FS

Quattro anni fa la Babyface Pro ha dimostrato, come sempre, l’impegno di RME nell’assicurare un livello tecnologico di altissima qualità non solo per quanto riguarda i circuiti audio e lo sviluppo dei driver, ma anche per la componente meccanica. Questa interfaccia portatile di fascia alta, costruita nella maniera più precisa possibile partendo da un blocco di alluminio, incorporava (e incorpora) dei nuovi circuiti analogici e digitali. La sua tecnologia di risparmio energetico è in grado di fornire una fedeltà assoluta in termini di livello, rumore e distorsione in uscita.

La nuova Babyface Pro FS implementa degli ulteriori miglioramenti: lo switch +19 / +4 dBu sul fronte aggiunge una possibilità per ridurre direttamente il livello di uscita, così da migliorare il rapporto segnale/rumore per i monitor attivi più sensibili, evitare distorsioni e mantenere i fader del TotalMix FX vicini allo 0 dB invece di effettuare attenuazioni eccessive. Come nella ADI-2 Pro FS, i circuiti SteadyClock FS riducono notevolmente il jitter. L’uscita cuffie da 3.5 mm TRS diventa più potente: da 70mW a 90mW.

RME-BFPro-FS-front.jpg

L’headroom di entrambe le uscite cuffie è stata aumentata di 10dB. Utilizza gli stessi op-amps della ADI-2 Pro. L’impedenza in uscita dell’uscita da 3.5mm è stata diminuita da 2 Ohms a 0.1 Ohms. Il rapporto segnale/rumore degli ingressi microfonici è stato migliorato dai 112.2 dB ai 113.7 dB, i Line inputs TRS da 114dB a 116.3dB (120 dBA). L’headroom dei line inputs è stata aumentata di 8 dB. 
Inoltre il nuovo convertitore AD ha 6 sample in meno di latenza ( 5 sample AD, 7 sample DA). 
Tutti questi miglioramenti sono stati implementati senza aumentare il consumo energetico dell’unità.

ADI-2 DAC FS

Con la ADI-2 DAC, RME ha creato un convertitore stereo digital-to-analog di alta qualità che ha subito avuto moltissimi apprezzamenti da parte di un'ampia fascia di utenti. Questo strumento è adesso disponibile in una versione leggermente rinnovata. L’utilizzo di un AK4493 (precedentemente il 4490) migliora il rapporto segnale/rumore da 117 dB a 120 dB (123 dBA).

La distorsione viene ridotta di circa 10 dB, arrivando a un valore di -120 dB in dominio totalmente digitale. L’uscita IEM, già incredibilmente silenziosa, adesso è ulteriormente migliorata. Le uscite XLR, RCA e IEM hanno 2.5 dB di headroom in più che permettono di alzare il limite picco non distorto a un valore di +4 dBFS. Per il resto, le funzioni base dell’ADI-2 DAC rimangono invariate, ma il dispositivo adesso viene fornito con un controllo remoto a infrarossi, il MRC (Multi-Remote-Control), in grado di controllare fino a 4 differenti futuri device RME (attualmente è supportata solo l’ADI-2 DAC).

ADI-2-DAC-C-1.jpg

 

Il controllo remoto è una versione estesa del suo predecessore, con l’aggiunta di alcuni pulsanti progettati per le funzioni più comunemente utilizzate, per lo switch del loudness, EQ  parametrico e l’on/off di bass e treble. 
Inoltre ci sono dei parametri per il controllo diretto di bass, treble e balance. Con questi nuovi strumenti, è possibile accedere direttamente alle funzionalità più comunemente utilizzate del device. I quattro pulsanti programmabili possono essere programmati con una selezione personale di 32 comandi. 
Con i miglioramenti del DAC e il nuovo controllo remoto, RME raggiunge lo scopo di perfezionare un dispositivo già praticamente perfetto.

Midiware