Genelec News

genelecnews3.jpg

All’IBC e all’AES 2017 Genelec ha presentato nuove tecnologie e nuovi prodotti molto interessanti

Il GLM 3 (Genelec Loudspeaker Manager) è l’ultimissima versione dell’applicazione di autocalibrazione targata Genelec. Il software della casa Finlandese, fin dagli inizi del suo rilascio nel mercato, ha aiutato i professionisti del mondo audio a configurare, calibrare e controllare il loro sistema di monitoring Genelec, permettendo una performance ottimizzata dell'ascolto in relazione all’ambiente acustico di lavoro.

Questa versione, oltre al consueto bug fix, presenta alcune novità piuttosto interessanti. La prima riguarda l’implementazione dei ‘Cloud Services’ a disposizione dell’utente che, oltre ad assicurare un back-up sicuro delle proprie impostazioni ed un accesso istantaneo a tutti gli aggiornamenti del software, consentono di inviare i propri file GLM ad esperti Genelec per ricevere assistenza e consigli.
La seconda novità è quella dei ‘Reference Level’, sviluppati per venire incontro alle necessità di chi deve lavorare tenendo conto degli standard SPL di ascolto dettati dal mondo broadcast. Il nuovo software consente una calibrazione secondo gli standard di loudness ATSC A/85 ed EBU R128.

Genelec continua quindi a migliorare tutto ciò che gravita intorno ai suoi prodotti SAM e al loro nuovo sistema di calibrazione che riesce ad essere user-friendly e professionale allo stesso tempo, mettendo il proprio marchio di fabbrica su una tecnologia che sembra sempre più destinata a tracciare un solco netto col passato e a riscrivere la storia dell’ascolto in studio.

Il Subwoofer 7380 consente delle prestazioni di tutto rispetto grazie ad un alto livello di pressione sonora, un’alta potenza, una bassa distorsione ed un’estesa risposta alle basse frequenze, insieme ad opzioni flessibili di base management. In quanto membro della famiglia SAM, il 7380 lavora a stretto contatto con il software GLM, permettendo a tutti i monitor nel sistema ed ai subwoofer di essere configurati e calibrati. Grazie al sistema di auto-calibrazione e di compensazione dei difetti sonori della stanza, il 7380 può essere adattato ad una vasta gamma di ambienti acustici.

Il 7380 è progettato su misura per professionisti della musica, del cinema, della post-produzione e del broadcast che richiedono un’affidabile e potente riproduzione delle basse frequenze, il tutto in un cabinet sorprendentemente compatto.

genelecnews1.jpg

 

Genelec guarda al futuro, portando la qualità dei suoi prodotti in un ambito in costante crescita professionale: quello dell’audio 3D per VR. Grazie alla collaborazione con IDA Audio, azienda all’avanguardia per le modellizzazioni HRTF, sarà presentato a inizio 2018 un software che permetterà di vivere la prima esperienza immersiva di Audio 3D per cuffie.

Qualsiasi tipo di cuffia ha dei limiti nella spazializzazione audio a causa della vicinanza della sorgente alle orecchie, che causa una percezione falsata del suono 3D.

Con quest’app l’utente potrà creare un proprio profilo cloud-based che ricalcherà le funzioni del proprio orecchio riguardanti il filtraggio del suono in arrivo, permettendo così una taratura personalizzata delle cuffie. Basterà inviare alle aziende, tramite smarpthone, le foto delle proprie orecchie, testa e torace: il materiale ricevuto sarà poi studiato e applicato al profilo utente che simulerà in cuffia l’ascolto in un ambiente reale.
L’esperienza si baserà su una modellizzazione acustica effettuata direttamente sull’ascoltatore! In passato, per avere un risultato simile, erano necessarie ore di misurazione in camera anecoica.

Genelec continua quindi verso la strada della personalizzazione totale del monitoring, già intrapresa con gli strumenti di calibrazione GLM. Una prima versione del software è in demo all’AES2017 di New York.

genelecnews2.jpg

Midiware